FANDOM


John Forge

John Forge

Il Sergente John Forge ha un curriculum eloquente: ha ottenuto diversi riconoscimenti per il valore e il coraggio sul campo di battaglia, ma gli sono stati contestati altrettanti capi d'accusa per insubordinazione, condotta riprovevole e aggressione a ufficiale di grado superiore.

È stato promosso cinque volte e degradato tre. I suoi compagni di squadra lo ritengono l'uomo perfetto da avere accanto in battaglia, coraggioso e tenace, ma nessuno lo presenterebbe mai alla propria sorella.[1]

Muore sul mondo scudo dopo aver ucciso Ripa'Moramee per permettere alla Spirit di scappare. Lui infatti, si sacrifica per attivare le testate, necessarie per eliminare le navi colosso dei Precursori, che avrebbero altrimenti annientato la flotta terrestre.

Ha un carattere forte e molto intraprendente. Spesso fa anche delle battute.Ha dimostrato grande generosità e altruista quando ha deciso di offrirsi volontario per salvare il resto della Spirit of Fire.

Storia

Il Sergente John Forge, nasce sulla terra nel 2502. Fin da piccolo desiderava ardentamente di entrare nell'esercito, ed inoltre la sua famiglia è risultato di una discendenza di soldati fin dalla seconda guerra mondiale. Entrò in una scuola militare all'età minima di 16 anni. Era alto e fisicamente molto forte, oltre che essere determinato e competitivo in tutto ciò che faceva. Queste qualità lo fecero membro a vita del corpo dei marines, e tutti gli uomini sotto il suo comando avevano sempre una grande fiducia in lui. Forge era un guerriero nato ma aveva difficoltà ad affrontare la vita fuori dall'ambiente militare: sua moglie era solo un ombra ormai lontana, e a sua figlia parlava raramente poichè era sempre impegnato in missione. Nel 2531 il tenente Prosser, ha aggredito una donna al bar ma Forge è intervenuto e ha aiutato la donna in questione: le accuse furono subito rivolte al sergente. Aggressione a ufficiale di grado superiore. Fortunatamente, per il sergente, la donna parlò e lo proclamò un eroe, così tutte le accuse furono ritirate e successivamente l'Ammiraglio Preston Cole lo riassegnò alla Spirit of Fire, comandata dal Capitano Cutter.

Durante la battaglia di Harvest, il sergente Forge prese parte a diverse schermaglie contro i Covenant, tra cui la battaglia per la ripresa della base Alpha, nella quale Forge radunò i sopravvissuti della base e lanciò un contrattacco contro i Covenant permettendo all'UNSC di reclamare la base. Più avanti Forge venne incaricato di perlustrare l'area per indizi sulle attività dei Covenant, con un binocolo quindi osserva i Covenant, diretti dall'Arbiter che ordina alle truppe di aprire una reliquia dei Precursori, per poi tornare alla base.

Il Capitano Cutter decise di entrare nella reliquia e ordina a Forge di dirigere l'assalto contro le forze Covenant nella struttura, che volevano distruggere l'entrata per evitare che gli umani la usassero. Forge riuscì a espugnare la reliquia dai Covenant e a renderla sicura per l'arrivo della Dottoressa Anders, che entrò nella reliquia e vide le navi dei precursori in un ologramma dopo aver attivato involontariamente il meccanismo.

Purtroppo però i Covenant si erano riorganizzati e avevano lanciato un'attacco alla reliquia mentre Forge, Anders e alcuni marine erano ancora là, la Spirit of Fire quindi mandò dei carri Grizzly che riuscirono a riportare Forge e Anders a un Pelican per l'estrazione, coperti da alcuni marine.

Durante la ricerca della reliquia sulla nave, la Spirit of Fire venne contattata da una richiesta d'aiuto da Arcadia, attaccato dai Covenant, Cutter inviò Forge nella città per coordinare le operazioni di evacuazione dei civili e successivamente di contrattacco, che permise all'UNSC di riconquistare una posizione stabile ed investigare le intenzioni dei Covenant, che nel frattempo avevano costruito uno scudo enorme a difesa di un punto di scavi, durante la battaglia di Arcadia la squadra rossa composta dagli Spartan Douglas,Alice e Jerome si unirono alle forze di Forge.

Dopo aver distrutto lo scudo Covenant con i Rhino, Anders e Forge si recarono nell'area per controllare per indizi in modo da scoprire il motivo della presenza Covenant, ma vennero aggrediti dall'Arbiter che voleva rapire Anders per conto del Profeta del Rimorso, Forge cercò di intidimidire l'Arbiter nel lasciare Anders insultandolo, cosa che fece scoppiare una lotta tra i due, nella quale Forge stava per perdere la vita, finchè Anders chiese all'Arbiter di lasciare Forge in vita ed che in cambio sarebbe andata con lui senza resistenza, accettando l'offerta Moramee prese Anders lasciando Forge a terra, ma non prima di aver attaccato un trasmettitore su Anders.

Tornato sulla nave, Forge riferì del rapimento di Anders al resto della Spirit of Fire, ed usando il trasmettitore, seguirono l'Arbiter fino a un misterioso mondo desolato senza alcuna traccia di attività Covenant, Forge così venne incaricato di dirigere 3 squadre per costruire una base in modo da poter cercare più accuratamente Anders, solo che la squadra Alpha e Bravo persero il segnale poco dopo, lasciando come comunicazione finale degli urli strazianti.

Forge dirise un Elephant e sconfisse una piccola forza Covenant con l'aiuto della Squadra Rossa Spartan, e poi andò verso l'ultima posizione nota di Alpha e Bravo, scoprendo che delle creature misteriose avevano trasformato le squadre di marine in abomini e circondato gli Elephant con delle strane uova. Liberati gli Elephant Forge li diresse verso la base per prepararsi alla notte.

Il giorno dopo, il segnale di Anders apparì in un punto preciso del pianeta, che si rivelò una trappola di una gigantesca creatura, Forge e la Squadra Rossa uccisero la creatura dopo una lunga battaglia, ed il segnale di Anders apparì da un'altro punto del pianeta, recatosi la Spirit of Fire vide solo un'enorme oceano, finchè si aprì la superficie mostrando una serie di tunnel che conducevano all'interno del pianeta, ed la Spirit of Fire venne risucchiata da un raggio traente, così il Capitano Cutter ordinò a Forge di far evacuare tutte le truppe di terra e farle tornare sulla nave, riuscendo dopo una strenua resistenza da parte dei Flood.

Nel gioco

Sergeant Forge -1-

Il Sergente Forge osserva la Reliquia dei Precursori

Forge è utilizzabile nella campagna di Halo Wars o come leader nel multiplayer. Nella campagna generalmente è su un Warthog già potenziato, ma quando a piedi usa un Fucile M90 e come attacco speciale spara più velocemente. Nel multiplayer non compare fisicamente. Come unità speciale ha il Cyclops e come super unità il Grizzly, la sua abilità è il bombardamento a tappeto e il vantaggio iniziale è che le Basi rifornimento che costruisce sono subito pesanti.

Forge rivolgendosi all'Arbiter che minacciava Anders: "Perchè non lasci stare la donna e ne riparliamo da uomo a scherzo della natura?"

Curiosità

  • Sulla spalliera sinistra dell'armatura Forge ha messo un'asso di picche.
  • Forge e lo Spartan Douglas-042 litigarono furiosamente, tanto da rompere una sedia, un sigillo e causare l'intervento dell' IASerina; ora i due sono amici e mangiano insieme in mensa.
  • Sulla sua corazza del torso, nella parte a destra, Forge ha 9 simboletti che ricordano molto il simbolo della Difficoltà Leggendaria.
  • Ha dato un nome al suo coltello da combattimento: Lucy.
  • Egli è l'unico essere umano fino ad ora conosciuto per aver ucciso un arbiter e per di più usando la lama energetica.
  • Nonostante sia solo un Sergente, gli vengono dati incarichi e responsabilità riservate a sottufficiali o ufficiali di grado superiore.
  • Impersonando il Sergente John Forge durante la campagna, lo si noterà molto spesso su un M12G1 Warthog LAAV che in reltà è leggermente più forte e ha più punti danno del normale veicolo. Mentre è a piedi invece usa un fucile a pompa M90 con l'abilità speciale di sparare a raffica per qualche secondo, può accadere che urli o esclami suoni inarticolati come "Yipee-kai-yay!", chiaro riferimento al film Die Hard.
  • Si presume che sia uno Spartan 1 o 1.1 in quanto dotato di incredibile forza fisica che, in Halo Wars, gli permette di mettere a terra ed uccidere un Elite .

Galleria

Fonti

  1. Halo Wars, libretto di istruzioni